Vai ai contenuti

Menu principale:

Lavoretti per la festa della scuola, autofinanziamento scuola primaria

Fine della scuola

 SCHERZI E PENITENZE PER SALUTARSI RIDENDO

In quinta, alcune volte l'ultimo giorno di scuola arriva come una tragedia. I bimbi, ma soprattutto le bambine iniziano a piangere disperatamente. Noi maestre ci lasciamo contagiare e...un disastro. Quest'anno ho provato a proporre una serie di scherzi che...mi avevano fatto da bambina e mi erano sembrati divertenti e non troppo offensivi. Purtroppo non sono riuscita a fare foto perchè la preparazione dei materiali, sedie, tavoli, bende non mi ha permesso di distrarmi con il cellulare.
Il risultato è stato ambivalente. Gli scherzi sono riusciti ed i ragazzi si sono divertiti, ma al suono della campanella le lacrime sono comunque sgorgate a fiumi. Beh, pazienza.
Evidentemente in questi anni non siamo state abbastanza cattive. Rimedieremo con la prossima classe

 COLLANE CON CIALDE DI CAFFE 

Come tutti gli anni arriva la festa della scuola. Servono idee per i lavoretti da vendere per l'autofinanziamento. Su questo aspetto sono drammaticamente carente, quindi vado a copiare le idee delle colleghe. 
E mi sembrano tutte bellissime. Ecco il lavoro di Grazia e Iole. Bancarella di meravigliosi oggetti di riciclo. Uno per tutti: la collana di cialde di caffè. Sul web ci sono vari video tutorial. 
Quello che mi ha colpito...è stato vedere i ragazzi di quinta al lavoro in classe durante la siesta. Sembrava tutto semplicissimo.
Schiacciare le cialde era l'unica mansione svolta dall'insegnante!
RICICLO CREATIVO: FIORE FATTO CON BOTTIGLIE DI PLASTICA

Per realizzare questo lavoretto di riciclo per l'autofinanziamento si chiede ad ogni bambino di portare due bottiglie di plastica, di cui almeno una colorata. I colori migliori sono il rosso, il giallo, l'arancione, il marrone,l'azzurro, il blu e naturalmente la plastica trasparente. Con l'aiuto delle forbicine da manicure si taglia la bottiglia dalla parte del collo a forma di calice di fiore, con cinque o sei petali che verranno piegati verso l'esterno. All'interno del collo di bottiglia si inserisce la parte centrale di una bottiglia di diverso colore, tagliata a strisioline sottili ed arrotolata a imitare gli stami dei fiori. Si inserisce un ramo come gambo e si riveste di carta crespa. Se si vuole dare l'effetto "vetro di murano" si scalda al fuoco dei fornelli (naturalmente questa operazione non è affidata ai bambini).
I fiori di colori e forme diverse daranno un bellissimo effetto di insieme, se si metttono i fiori in un unico vaso
CORNICI PER FOTO DI CLASSE

Costa davvero poco stampare. Una foto di classe ben incorniciata andrà a ruba.
L'argomento della cornice potrà riguardare argomenti svolti. Una delle cornici che vedete è incorniciata con verdure secche, lenticchie, mais, peperoncini, fette di zucchine seccate. In seconda infatti l'argomento principale del programma di scienze era infatti la verdura
Una però meglio tenerla per la classe. Anno dopo anno avrete una micro storia del gruppo, chi arriva, chi cambia scuola...Chi mette gli occhiali, chi cambia pettunatura. Se sarete così brave da conservare quelle dei cicli precedenti potrete trovare foto di fratelli e cugini.
VENDITA PIANTE ALLA SCUOLA PRIMARIA

Attività molto comune è la vendita di piante alle feste delle scuole primarie: se si prepara per tempo si può coinvolgere gli alunnni in questa attività facendo loro coltivare piante in vaso a scuola.
Si possono comprare giovani piante da un vivaio, trapiantarle ed innaffiarle per alcuni mesi o si può partire dalla semina (diventa difficile però calcolare il tempo giusto per la vendita).
Si rivela interessante poi spiegare agli alunni molte piante (specialmente le piante grasse) si propagano rapidamente per talea, tagliando un rametto di una pianta ed interrandolo in un nuovo vasetto. (Riproduzione agamica)
Altre piante si propagano grazie a getti simili a rametti da cui partono nuove piante, come le mangiafumo, altra ancora dal fusto di una pianta matura (aloe e agave).
I libri presenatano solo la riproduzione da seme. Questi esperimenti possono essere molto interessanti.
La bancarella delle piante può diventare così molto più variegata, con piante grasse, piante mangiafumo, aloe, agave, pervinche, amici del sole e piante aromatiche.

 LAVORETTI PREISTORICI

Dinosauri, fossili, graffiti rupestri...troppo affascinanti per non provare a realizzarli come lavoretto di fine anno.
A fianco trovate immagini e istruzioni per un quadretto con dinosauro realizzato con la tecnica a sbalzo su foglio di rame e incorniciato con materiali naturali (foglie, muschio).

Per il fossile occorre invece un cartone di latte o il cartone dei succhi di frutta tagliato come stampo, gesso o stucco in polvere (mezzo bicchiere per ogni fossile) conchiglie e rametti. Una volta seccato si colora la "cornice" e si aggiunge un gancino.

Il graffito rupestre riprende i disegni realmente trovati nelle grotte preistoriche. Ogni alunno colora un foglio con colori a cera o a olio chiari, sovrappone uno strato di colore scuro ed infine graffia lo strato superiore cercando di riprodurre il disegno del graffito ( procuratevi delle fotocopie per aiutarli nella copia dal vero)
 Essendo i graffiti originali primitivi ed essenziali i bambini avranno la soddisfazione di riuscire a farne una copia soddisfacente!
Anche la bancarella è stata costruita in modo molto "preistorico"
CREME E SAPONI FAI DA TE

Questo lavoretto unisce l'interesse per aspetti di vita quotidiana delle antiche civiltà al messaggio positivo ed ecologico che molti prodotti per la cura di se si possono realizzare con materiali naturali.
I "prodotti di bellezza" in questione sono a base di olio di semi e sale per un'azione emolliente ed abrasiva.

GEROGLIFICI EGIZI

 Attribuendo ad ogni lettera un geroglifico (e dopo aver spiegato che si tratta di un gioco, perchè in realtà ad ogni simbolo non corrispondeva una lettera ma una parola o un'azione) si può far scrivere ad ogni bambino il suo nome in "egiziano per bambini" e creare graziosi segnalibri. In questo caso sono stati plastificati e venduti.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu